random_image2.jpg

Ci sono anche gli occhi tra le possibili “vittime” del diabete. Riconoscerne precocemente segni e sintomi è fondamentale per tenere la situazione sotto controllo.

BOLZANO. Greta Vieider, 31 anni, dell'Ssv Bozen, è la prima non-vedente in Europa ad affrontare un esame di Kung Fu. Proprio come nei film di Bruce Lee. O quasi. Nello specifico, la prova verterà su uno stile detto Wing Chun, importato da Hong Kong dal tedesco Wilhelm Blech negli anni '80.

Pelle chiarissima e capelli bianchi o tendenti al biondo. Ecco cosa ci viene in mente quando pensiamo a una persona albina. Ma oltre alle "particolarità" estetiche, l'albinismo comporta altre problematiche, prima fra tutte l'ipovisione, cioè una capacità visiva ridotta. Con l'aiuto di Elisa Tronconi, Presidente dell'Associazione Albinit APS, scopriamo insieme quali sono le cause, quanto è frequente e come si convive con questa condizione.

MONZAMBANO. Ritorna, dal 9 all'11 giugno, il Festival di astronomia di Castellaro Lagusello, organizzato dall'Istituto nazionale di astrofisica, dal Comune di Monzambano e dalla Fondazione città di Monzambano. Una tre giorni di laboratori didattici, mostre, conferenze, spettacoli che si pone come obiettivo quello di raccontare, come recita il titolo di questa terza edizione, "L'Universo in tutti i sensi". Tutte le attività saranno multisensoriali, includendo non solo elementi visivi, ma anche tattili, sonori e olfattivi.

PALERMO. Una coppia di non vedenti romani è stata respinta poco prima di arrivare in un b&b di Palermo, perché i due erano accompagnati dai cani guida e la struttura ricettiva non ammette gli animali. Vincenzo D'Angiò e Nadia Vattiata sono stati così costretti a cercare una sistemazione alternativa, ma hanno avuto difficoltà perché nessuno ammetteva Happy e Quari, i due Labrador che li guidano in ogni loro passo.

Telecronaca è fusione di due elementi: visione e cronaca. Senza visione sembra impossibile ci sia trasposizione dei fatti sportivi che generano la cronaca. Daniele Cassioli, uno dei più grandi atleti del nostro Paese che non ci vede dalla nascita, scardina questo principio all'apparenza sacrosanto.

Come si può rendere percepibile al tatto un pannello touchscreen? Alla Carnegie Mellon University ci provano utilizzando una particolare struttura a cellette pneumatiche.

Il museo è strutturato per essere apprezzato anche dai più piccoli, grazie all'iniziativa "Vietato non toccare", ma sarà presto ancora più inclusivo. Ne parla il direttore Folco Biagi: "A maggio inaugureremo un nuovo percorso dedicato a persone non vedenti ed ipovedenti, e attraverso una serie di pannelli tattili, copriremo la narrazione di tutto il museo e di tutto quello che c'è all'interno”.

Secondo uno studio condotto dall’Ufficio per i Diritti delle Persone con Disabilità delle Nazioni Unite, nei Paesi industrializzati il livello di disoccupazione di persone con disabilità raggiunge il 50-70 per cento. In Italia, come riporta l’agenzia per il lavoro Page Personnel, si parla di oltre l’80 per cento. Già nel 2013, del resto, la Corte di Giustizia Europea aveva bocciato l’Italia, invitandola, senza alcun esito, a porre rimedio a questa situazione al più presto.

Una carrellata di opere realizzate da artisti di fama nazionale e internazionale che possono essere ammirate non solo attraverso gli occhi, bensì, anche, attraverso il tatto per far scoprire alle persone cosiddette normodotate come “vedono” l’arte le persone non vedenti o ipovedenti.

Stop agli imbarchi negati, risarcimenti rapidi ed equi, un biglietto gratuito se c’è l’accompagnatore e piena responsabilità delle aziende per i danni o gli smarrimenti delle carrozzine o di altri ausili: sono chiare le richieste dell’EDF, il Forum Europeo sulla Disabilità, nel proprio rapporto “Fine dell’incubo: i passeggeri con disabilità meritano di viaggiare in aereo”, ove si chiede alla Commissione Europea di tenerne pienamente conto, in fase di revisione del Regolamento riguardante appunto i diritti delle persone con disabilità e delle persone a mobilità ridotta nel trasporto aereo.

BRESCIA. Grazie alla generosità di 65 sostenitori che hanno risposto alla chiamata della raccolta fondi, è possibile adesso passare alla fase organizzativa di un corso di scultura su marmo per ragazzi ciechi e ipovedenti di tutte le età, fortemente voluto dalla sezione bresciana dell'Unione italiana dei ciechi ed ipovedenti (UICI), dal CFP Vantini di Rezzato, con Libera Accademia delle Arti di Brescia e l'istituto di Arte Sacra di Firenze.

Giovanni Fossati, presidente del centro cani guida dei Lions: "Sono ben 2.270 i cani formati in questa struttura e assegnati ai non vedenti. Abbiamo urgente bisogno di famiglie volontarie che ci diano una mano a far socializzare i cuccioli".

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uici.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT60R0306909526100000007104