random_image2.jpg

NEW YORK. Un team di ricercatori della NYU Tandon School of Engineering e della Grossman School of Medicine hanno creato un’app per aiutare le persone con disabilità visive a navigare nel sistema metropolitano di New York City. Commute Booster utilizza la fotocamera dello smartphone per riconoscere i segnali rilevanti lungo un percorso di trasporto pubblico, guidando l’utente verso la destinazione desiderata e ignorando i segnali e i manifesti non essenziali.

Il 7 giugno 2023  è entrato in vigore il regolamento riveduto sui diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario. Di conseguenza, i diritti dei passeggeri che viaggiano in treno sono stati aggiornati e, in alcuni casi, rafforzati. Il Forum europeo sulla disabilità spiega, in un articolo di approfondimento, quali sono le caratteristiche principali di questo regolamento, prestando particolare attenzione alle disposizioni che riguardano maggiormente i passeggeri con disabilità e a mobilità ridotta.

Il Giardino delle Rose di Firenze si arricchisce di un itinerario tattile con tanto di podcast. In una delle aree più amate della città nasce un percorso sensoriale appositamente pensato per le persone cieche e ipovedenti. Il progetto guiderà il pubblico tra rose rare e antiche e tra i capolavori dell'artista Folon: sarà in grado di far apprezzare il giardino attraverso il tocco, ma con l'aggiunta di uno speciale aiuto audio, ovvero un podcast creato per l'occasione.

Il Consiglio dei Ministri, su proposta della ministra per le Disabilità Alessandra Locatelli, ha approvato, in esame preliminare, un Decreto Legislativo che, in attuazione della Legge Delega al Governo 227/21 in materia di disabilità, istituisce il Garante Nazionale dei Diritti delle Persone con Disabilità.

«Questo Decreto – commenta Alessandra Locatelli, ministra per le Disabilità – istituisce una figura non solo di riferimento, operativa e con compiti precisi, ma definisce anche un reale percorso di supporto nel rispetto della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità e del diritto di ogni persona ad una vita dignitosa e pienamente partecipata».

Le quattro opere scelte per inaugurare il progetto sono Aida, La Traviata, Nabucco e Rigoletto. Nelle dieci serate dell'iniziativa, che prenderà il via giovedì 20 luglio per proseguire sino al 19 agosto, le opere saranno precedute da percorsi multisensoriali gratuiti.

MILANO. «Vogliamo educare chiunque utilizzi i veicoli – non solo quelli in sharing – a pensare al prossimo quando guida in modo frenetico o parcheggia in modo scorretto, a prescindere da chi ha davanti, sia una persona con disabilità visive, motorie, con la carrozzina o anziana»: a dirlo è Alberto Piovani, presidente dell’UICI di Milano (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), presentando il Vademecum per una mobilità più sicura e inclusiva, ripartito in cinque punti e realizzato in collaborazione con Lime, azienda leader a livello internazionale in àmbito di micromobilità elettrica.

Il prototipo è stato realizzato, a perfetta riproduzione del “Nodo di Salomone” della basilica, con tessere nere che costituiscono la linea di disegno principale del mosaico, e con tessere colorate che vengono individuate dal tatto sensibile del non vedente.

Superando del 11/07/2023

Il progetto è stato promosso e finanziato dal Politecnico di Milano (attraverso il Programma Polisocial Award 2021) e ha coinvolto il Consiglio Regionale Lombardo dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti ETS (UICI) tra i suoi partner.

Alberto Piovani, Presidente Sezione territoriale UICI di Milano: "La Sezione territoriale UICI di Milano ha deciso di collaborare a questo progetto, insieme a Dott e ai ricercatori dell'Università di Salford, perché se è innegabile che la micromobilità e più in generale l'introduzione di tutti i veicoli elettrici va nella direzione giusta per tentare di risolvere i problemi di inquinamento, è altrettanto vero che quest'ultima rappresenta oggi per i disabili visivi un reale pericolo per la loro mobilità sicura e autonoma nelle nostre città e non solo.

Il puntamento oculare è l'ultimo movimento che permette alle persone con sclerosi laterale amiotrofica (SLA), nelle fasi più avanzate della malattia, di comunicare. L'intervento di cataratta - circa l'87% della chirurgia dell'occhio - che in questi pazienti permette di mantenere la relazione con il mondo esterno e una migliore qualità di vita, ha però delle complessità cliniche. Proprio per questo è di particolare importanza l'intervento di cataratta portato a termine con successo su una persona che dal 2009 convive con la malattia.

Una persona su sei, a un certo punto della sua vita, sperimenta una qualche forma di disabilità. L’accessibilità è un diritto inalienabile dell’essere umano, a volte ce ne dimentichiamo anche quando compiamo i gesti più banali, come andare al cinema.

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uici.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT60R0306909526100000007104
Codice SDI: 5RUO82D