Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS
Consiglio Regionale Lombardo

random_image2.jpg

Da febbraio le persone con disabilità saranno vaccinate, fra i soggetti prioritari del Piano vaccinale. Era una richiesta forte del movimento associativo e Arcuri ieri ha dato l'atteso annuncio. Vincenzo Falabella (Fish): «si può e si deve fare meglio, ma abbiamo raggiunto un punto di confronto autorevole con le istituzioni, la prova è che nel Recovery Fund si parla chiaramente di de-istituzionalizzazione».

C’è un diritto per le persone con disabilità che emerge come un’esigenza sempre più diffusa: quello alla vita indipendente e all’inclusione nella vita sociale. Su questo tema in Lombardia recentemente la LEDHA (Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità) ha stilato una proposta di legge. Regione Lombardia, inoltre, da oltre 3 anni sta portando avanti il progetto L-inc. Come la proposta di legge sopra citata il progetto, che vede coinvolta anche l’UICI Lombardia, si basa sull’articolo 19 della Convenzione ONU (Vita indipendente ed inclusione nella comunità).

MILANO. I più penalizzati in questi mesi sono stati gli alunni con disabilità: il 23% di loro durante il primo lockdown è stato completamente escluso dalla didattica a distanza. A fotografare la situazione è l'Istat nel suo rapporto "L'inclusione scolastica degli alunni con disabilità".

La Presidenza Nazionale dell’UICI, in una nota, ringrazia il commissario Domenico Arcuri per aver accolto l’appello all’attenzione per le persone con disabilità visiva nel programma di vaccinazione delle prossime settimane, rilanciato tra l’altro dalle pagine dell’agenzia DIRE e di numerosi quotidiani il 4 gennaio scorso, in occasione della giornata mondiale dell’alfabeto Braille.

Un progetto sperimentale dell’Istituto Cavazza di Bologna per formare over 65 ciechi o ipovedenti nell’utilizzare strumenti informatici nella vita quotidiana, dalla spesa online ai servizi bancari. “La pandemia ha aggravato l'isolamento, le tecnologie possono aiutare ad abbattere i confini”.

Blocnotes mese di gennaio 2021, a cura di Massimiliano Penna

Parliamo di disabilità in continuazione e ora pensiamo sia arrivato il momento di assumerci la responsabilità di definire una volta per tutte il significato del lemma disabilità sulle pagine di un giornale. Questo nella speranza di fornire una definizione che venga accolta nei dizionari, dove è diffusa una disconoscenza, un’arretratezza, da superare.

CORTE D’APPELLO DI ROMA. Anche la lesione di tipo morale è ipotizzabile nei casi di insufficiente attribuzione dell’insegnante di sostegno.

In questa giornata che celebra l’importanza del Braille per l’integrazione e l’autonomia dei non vedenti e che quest’anno ricorre nel pieno di una gravissima pandemia mondiale, dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti giunge un forte appello: “Le persone con disabilità visiva sono tra le più esposte al contagio perché è soprattutto attraverso il tatto che possono interagire con il mondo e compiere gli atti fondamentali della vita. Chiediamo al Ministro Speranza e al Commissario Arcuri massima attenzione e priorità nell’accesso alla vaccinazione per le persone non vedenti ormai allo stremo dopo mesi di emergenza”.

Pandemia, scuole chiuse, didattica a distanza: il 2020 è stato un anno difficile per tutti, e in particolare per i bambini, soprattutto per i piccoli con disabilità. Evelina Chiocca, presidente del Coordinamento Italiano Insegnanti di Sostegno: “Devo dire che sono molto preoccupata del “nuovo” che, avanzando, distrugge quanto faticosamente costruito in oltre quarant’anni di storia dell’inclusione scolastica in Italia. Evidentemente sono in molti a non crederci. Evidentemente in molti ritengono che ci siano cittadini di serie A e cittadini di serie B. E, accanto a loro, ci sono coloro che si sentono ‘fuori’, perché, per loro, la questione non li riguarda. Fra questi, è triste dirlo, ci sono anche gli insegnanti. Gli alunni con disabilità sono scomodi: ti mettono in discussione, ti obbligano a pensare e a ripensare il tuo agire e il tuo essere”.

Giornale UICI del 23/12/2020

Presentata da uno studio sul Journal of Neural Engineering la prima retina bio-ibrida costruita con fibroina della seta e cellule retiniche. La retina può essere innestata tramite trapianto.

In quale modo l’ICF, la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute definita nel 2001 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e di cui recentemente è uscita la nuova edizione, ha cambiato la cultura della disabilità? Giuseppe Malafarina ne parla approfonditamente con Matilde Leonardi, che ha contribuito a scrivere quel documento, in cui uno dei punti centrali è «che ogni persona in qualunque momento della vita può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità».

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uiciechi.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT69 E 03111 01604 0000 0000 4658