random_image2.jpg


SuperAbile INAIL del 17/06/2023

STRASBURGO. Le aziende che operano nell'Unione europea dovranno riferire sulle loro pratiche per l'inclusione delle persone con disabilità e di altri gruppi emarginati. È quanto prevede la nuova Direttiva Ue sul Corporate Sustainability Reporting (Csrd).

“La Direttiva è stata approvata e pubblicata sulla Gazzetta dell'Unione Europea nel dicembre 2022. La pubblicazione è stata seguita da un lungo processo di definizione del set di standard di rendicontazione che le aziende devono utilizzare in merito alla sostenibilità delle proprie pratiche ambientali, sociali e di governance- spiega il Forum europeo sulla disabilità- Abbiamo sostenuto con forza di garantire che la disabilità si riflettesse in modo sostanziale e significativo negli standard di rendicontazione”.

Il 9 giugno 2023 i servizi per il mercato finanziario della Commissione Europea hanno pubblicato la prima serie di Standard Europei per il Reporting di Sostenibilità.

“Gli obblighi di segnalazione saranno gradualmente introdotti nel tempo- scrive ancora il Forum sul proprio sito internet- Le prime aziende dovranno applicare gli standard nell'anno finanziario 2024, per i report pubblicati nel 2025. Le piccole e medie imprese dovranno solo rendicontare a partire dal 2026, con un'ulteriore possibilità di dissociarsi volontariamente fino al 2028, e saranno in grado di riferire secondo standard separati e proporzionati che saranno sviluppati il prossimo anno”.

In particolare le aziende dovranno segnalare: diversità all'interno del Consiglio di amministrazione, con indicazione della percentuale per genere e altri aspetti di diversità che l'impresa ritiene rilevanti; la percentuale di dipendenti con disabilità, nonché una spiegazione di come sono stati raccolti questi dati; uno schema delle politiche specifiche dell'azienda volte a eliminare la discriminazione e promuovere la diversità e l'inclusione, e se la disabilità è coperta in queste politiche; impatti positivi delle azioni per i clienti e gli utenti finali, come la progettazione del prodotto che migliora l'accessibilità per le persone con disabilità o l'impegno a rendere i servizi online accessibili alle persone con disabilità; se tutti i dipendenti sono coperti o meno dalla protezione sociale, attraverso programmi pubblici o attraverso benefici offerti dall'impresa, contro la perdita di reddito dopo l'acquisizione di una disabilità; passi intrapresi dall'azienda per conoscere le prospettive dei propri lavoratori che potrebbero essere particolarmente vulnerabili agli impatti e/o emarginati (ad esempio, lavoratrici, lavoratori migranti, lavoratori con disabilità); il numero di incidenti e/o reclami legati al lavoro e gravi ripercussioni sui diritti umani all'interno della propria forza lavoro; esempi di azioni per la diversità: formazione sulla diversità e l'inclusione (comprese le considerazioni sull'etnia), reclutamento mirato di gruppi sottorappresentati; facoltativamente, se l'impresa ha o intende apportare modifiche all'ambiente fisico per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori, dei clienti e di altri visitatori con disabilità.

“Sebbene questa direttiva UEee i suoi standard di rendicontazione non obblighino rigorosamente le aziende a cambiare il modo in cui operano, le ritengono responsabili per aver rivelato i loro successi e le loro carenze- commenta il Forum- È probabile che ciò induca le aziende a riflettere in anticipo su come includere meglio le persone con disabilità nella forza lavoro, anche nelle posizioni dirigenziali, e su come progettare meglio i loro servizi e prodotti per essere inclusivi. Gli standard di rendicontazione evidenziano inoltre ai datori di lavoro su quali aree dovrebbero lavorare per migliorare nell'area dell'inclusione e li indirizzano verso ciò che ci si aspetta da loro per essere all'altezza delle proprie responsabilità sociali”.

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uici.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT60R0306909526100000007104