Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS
Consiglio Regionale Lombardo

random_image2.jpg


Avvenire del 11/09/2021

UCRAINA. La straordinaria vita di madre Elzbieta (al secolo Róza) Czacka, fondatrice della Congregazione delle Suore Francescane Ancelle della Croce - o Francescane Ancelle della Croce di Laski - inizia il 22 ottobre 1876 a Biala Cerkiew, negli ex territori orientali della Repubblica di Polonia, oggi in Ucraina. Nata in una famiglia aristocratica, riceve un'educazione domestica all'altezza del suo censo, con un'adolescenza segnata però da una brutta caduta da cavallo che indebolisce pericolosamente la sua vista. Ed essa scompare del tutto quando Róza ha solo 22 anni. Il mondo per lei all'improvviso diventa buio e avrebbe potuto diventarlo anche il suo cuore se la fede non fosse rimasta accesa come una lampada interiore. Seguendo anche la parola ispirata del suo medico oculista, Róza decide di dedicare le sue energie a migliorare il destino dei ciechi in Polonia, dei quali allora nessuno si prendeva realmente cura. Impara così l'alfabeto Braille e soprattutto a muoversi in un "mondo nuovo" in relativa autonomia. Si reca in centri per non vedenti in Svizzera, Austria, Germania e Francia. Nel 1908 apre a Varsavia i primi istituti dedicati e nel 1910 fonda la Società per la Tutela dei Ciechi. Negli stessi anni matura in lei anche il desiderio di consacrarsi a Dio e di fondare di una comunità religiosa per il servizio dei ciechi. La Congregazione delle Suore Francescane Ancelle della Croce viene costituita a Varsavia il 1° dicembre 1918 fra lo scetticismo di molti ma con il sostegno convinto dell'arcivescovo di Varsavia Aleksander Kakowski e con la stima per la fondatrice da parte del nunzio apostolico Achille Ratti, poi papa Pio XI. Nel 1921 la Società per la Tutela dei Ciechi trasferisce le sue attività nel villaggio di Laski, vicino a Varsavia, facendolo diventare un punto di riferimento nel settore in tutta l'Europa centrale. Un ruolo importante nel plasmare la spiritualità di quel luogo lo ricopre padre Wladyslaw Kornilowicz (1884-1946), uno dei pionieri del rinnovamento liturgico in Polonia, impegnato anche nel dialogo il mondo accademico di Varsavia. Costui diventa il direttore spirituale della congregazione e dei collaboratori laici, orientando madre Czacka a offrire la sua vita in espiazione non solo per i ciechi in senso fisico ma anche per quelli in senso spirituale. L'atmosfera che si crea a Laski, con una casa per ritiri ancora esistente, attrae importanti artisti come Zbigniew Herbert, Antoni Slonimski, Zygmunt Kubiak e Jerzy Liebert. Vi fanno visita filosofi e teologi come Jacques Maritain e il futuro cardinale Charles Journet. Nel 1926 madre Czacka incontra a Laski anche un giovane sacerdote, Stefan Wyszynski, portato lì dal suo padre spirituale. Tra i due si crea un forte legame spirituale e una collaborazione che si intensifica durante la guerra.

Nel 1948 madre Czacka viene colpita da un ictus, non sarà l'ultimo, e nel 1950 si dimette dall'incarico di superiora generale. Gli ultimi 10 anni sono segnati dalla sofferenza. Muore il 15 maggio 1961.

La guarigione miracolosa che ora la porta sugli altari riguarda una bambina rimasta vittima di un gravissimo incidente il 29 agosto 2010. Le ferite alla testa riportate erano tali che i medici prevedevano danni permanenti se anche la piccola non fosse morta. La famiglia, la parrocchia e le Francescane Serve della Croce pregarono madre Czacka, per la sua intercessione. Il 13 settembre 2010 la bambina iniziò improvvisamente a riprendersi e oggi è completamente sana.

(Red.Cath.)

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uiciechi.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT69 E 03111 01604 0000 0000 4658