Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS
Consiglio Regionale Lombardo

random_image2.jpg

RIVA DEL GARDA. Giona, 22 anni, sordocieca si racconta a Trentotoday. “Ciò di cui sono sicura è che in futuro lavorerò con le persone, perché il mio potenziale sta nella relazione con gli altri. Perciò, posso affermare che il sogno più grande è quello di prendermi cura delle storie degli altri, imparando a custodirle e farle mie, perché credo siano imprescindibili per il mio percorso di crescita personale oltre che professionale”.

Dopo una prima fase preparatoria, l’Osservatorio Nazionale sulla Condizione delle Persone con Disabilità ha approvato il programma delle proprie attività per il prossimo triennio.

Silvana Valente, 55 anni, fisioterapista non vedente, campionessa olimpionica e mondiale di tandem: «Coinvolgiamo gli studenti in laboratori sensoriali Così la scuola diventa una vera palestra di vita».

Il club toscano dal prossimo torneo di C mette a disposizione per ogni tifoso non vedente un biglietto di tribuna e una radiolina per la radiocronaca della gara.

Il regolamento prevedeva che il Comune di Vigevano dovesse contribuire alle spese per l'accoglienza delle persone disabili in strutture residenziali, solo se la famiglia aveva meno di 5 mila euro in banca e nel caso fosse in possesso di immobili si doveva procedere con la vendita.

TRIESTE. Grazie al sistema Letismart gli utenti potranno con disabilità visiva interagire per usufruire del trasporto locale in maggior sicurezza grazie a un microsensore installato nel bastone bianco in dotazione.

Con l’obiettivo di incentivare una maggior aderenza terapeutica nei pazienti con glaucoma, nell’ambito di un progetto-pilota che ha preso il via recentemente, è stata scelta la App ‘Carepy – La tua cura nelle tue mani’, un servizio digitale che crea una rete virtuosa tra medici, farmacisti e pazienti con l’obiettivo di semplificare la gestione dei farmaci, delle terapie e delle misurazioni di tutta la famiglia e di migliorare le performance di aderenza alla terapia.

Restauro e digitalizzazione di grandi opere del cinema italiano, resa accessibile alle persone con disabilità sensoriali, cognitive e intellettive, nonché alfabetizzazione al cinema delle giovani generazioni: sono le caratteristiche di un’importante collaborazione tra la Cineteca Nazionale di Roma e il progetto di autonomia culturale “Cinemanchìo”.

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uiciechi.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT69 E 03111 01604 0000 0000 4658