Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS
Consiglio Regionale Lombardo

random_image2.jpg

Insegnanti di sostegno: da gennaio cambia l’iter per l’assegnazione delle ore e si temono forti tagli.

IL VENTO CONTRO: un racconto autobiografico che parla di sport, di sfide, di vittorie e di sconfitte, ma anche di amicizie, di studio, di amore e di musica.

Presentato a Mantova Letismart "luce" e "voce", un bastone bianco per persone con disabilità visiva di nuova concezione.

Consiglio di Stato, sentenza n. 5851/18. Accertato il diritto ad avere un insegnante di sostegno specializzato nel sistema di lettura e scrittura Braille. Il docente di sostegno, per poter essere considerato valida (e non inutile) presenza, idonea a favorire l’integrazione e l’inserimento del disabile nel contesto scolastico, deve essere dotato delle conoscenze tecniche necessarie ad affrontare e gestire l’handicap di fronte al quale si trova ad operare.

Per il quarto anno consecutivo la Fondazione “Macula & Genoma Foundation Onlus” ha intrapreso l’iniziativa di radunare intorno ad un tavolo esponenti internazionali, oculisti, genetisti e ricercatori, per comunicare direttamente con e ai pazienti – non vedenti o con gravi disabilità visive – le possibilità di “riemergere dal buio” in seguito ai più recenti studi sperimentali e clinici in campo oftalmologico.

Sentenza storica del Consiglio di Stato, che conferma le due precedenti sentenze del Tar di Catanzaro, chiamando il Miur ad assegnare un docente specializzato a una studentessa non vedente.

Per continuare il nostro percorso informativo/formativo, oggi mi occuperò in questo articolo del binomio educatore-docente per il sostegno didattico.

Lavora in àmbito di accessibilità dell’arte, trasmette sulle onde di una “storica” emittente locale di Cagliari, ha recitato in una docufiction, pratica sci nautico e da qualche tempo non riesce più a smettere di dipingere. Ma come si potrà dipingere vedendo solo ombre, visto che a causa della retinite pigmentosa Andrea Ferrero conserva ormai solo un lievissimo residuo visivo?

La frase scelta da Marino Bottà in apertura di questa sua riflessione («Innovare non necessariamente significa scoprire cose nuove, innovare è spesso saper guardare il libro della realtà in modo diverso») ne fotografa al meglio l’opinione rispetto alla situazione attuale dell’inserimento lavorativo delle persone con disabilità.

In Italia sono cinque le scuole abilitate alla formazione del cane guida. Un percorso difficile che dura oltre un anno.

Amici di Penna

penna stilograficaArticoli, interviste e servizi apparsi sui media che trattano i temi della disabilità visiva.
A cura di Massimiliano Penna

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uiciechi.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT69 E 03111 01604 0000 0000 4658