Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS
Consiglio Regionale Lombardo

random_image2.jpg

 

Vita.it del 25-10-2018

ROMA. Romano di Garbatella, non vedente dalla nascita, Campione paralimpico di sci nautico, classe 1986, tre volte Campione del Mondo, fisioterapista laureato con lode, leader di una sua onlus che stimola i bambini non vedenti: è Daniele Cassioli, che ha raccontato la sua storia nel libro “Il vento contro” (De Agostini, 2018), presentato al Centro regionale Sant’Alessio di Roma. Un luogo del cuore, come lo definisce lui. «La tappa fissa nelle sue trasferte romane da quando con la famiglia si è trasferito a Gallarate, in Lombardia», come ricorda Antonio Organtini, Direttore Generale del Centro Regionale Sant’Alessio.

La presentazione del libro Per l’imbattuto campione di sci nautico paralimpico, il vento che ti soffia addosso è la sfida che bisogna raccogliere ogni giorno, nella disciplina sportiva come nella vita. Una storia normale di un ragazzo come tutti gli altri, che deve crescere e imparare ad accettarsi per quello che è, ad aprirsi e a farsi volere bene, a superare i momenti difficili e ad apprezzare la meraviglia di ogni giorno. E magari anche a scoprire che quel “vento contro” è proprio la condizione ideale che ti fa venir voglia di volare.

Vitalità, slancio, curiosità sono gli ingredienti della vita di Daniele: un racconto autobiografico che parla di sport, di sfide, di vittorie e di sconfitte, ma anche di amicizie, di studio, di amore e di musica. Un racconto normale, se vogliamo, se non fosse per quella paura che in ogni riga viene fuori prepotente. La paura di chi non vede. L’insicurezza. La fragilità. La diversità attraverso l’occhio funzionante degli altri.

«Secondo me», ha detto Daniele Cassioli durante la presentazione del libro, «nella vita è essenziale il contatto con la felicità. A volte ci dimentichiamo cosa sia, al di là di quello che ci può capitare. Il libro ha questo scopo: la felicità è sempre lì. Siamo noi spesso ad allontanarci da lei. Nel mio racconto c'è tanta ironia, ma imparare a volere bene a quello che non ci piace aiuta a non abbandonare il piacere vero di fare le cose».

«Questo libro», ha aggiunto Padre Giovanni La Manna, Rettore dell’Istituto Massimo di Roma, «è un regalo, che peraltro ho condiviso con i ragazzi in classe. Ho chiesto loro cosa poteva avermi colpito. Non il fatto che fosse una persona con disabilità, non il fatto che fosse un Campione, ma il fatto che uscisse fuori in ogni pagina la forza che c'è in ognuno di noi. Qualcosa di non scontato e che ha bisogno ogni giorno di consapevolezza. Daniele è testimone di questo. Abbiamo bisogno di più testimoni e di meno parole».

di Erica Battaglia

Amici di Penna

penna stilograficaArticoli, interviste e servizi apparsi sui media che trattano i temi della disabilità visiva.
A cura di Massimiliano Penna

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uiciechi.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT69 E 03111 01604 0000 0000 4658