Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ETS APS
Consiglio Regionale Lombardo

random_image2.jpg

 

Redattore Sociale del 27-06-2018

Il sottosegretario per le disabilità Zoccano alla Giornata nazionale dei sordociechi: "Faremo parlare fra loro i vari ministeri" migliorando la vita delle persone disabili. La legge sul Dopo di Noi? "Contenuti troppo sfumati". E troppo ritardo nell'applicazione della convenzione Onu.

ROMA. “L’istituzione del ministero della disabilità non è una scelta ghettizzante, ma l’esatto opposto, perché mira a garantire la trasversalità che è necessaria quando si parla di provvedimenti che toccano la disabilità”. Ad affermarlo è il sottosegretario al ministero della famiglia e per le disabilità Vincenzo Zoccano, che interviene in Senato con un saluto al convegno organizzato da Unione ciechi e ipovedenti e Lega del Filo d’Oro in occasione della prima Giornata nazionale dei sordociechi.
“In questi giorni – dice – stiamo riempiendo di contenuti e di competenze una struttura che non esisteva ed è appena nata, e che fa della trasversalità la sua caratteristica principale: non è un ministero ghettizzante, che rinchiude le persone disabili in un compartimento stagno, ma al contrario costituisce quella cabina di regia che finora è mancata e che ha il compito di far parlare i vari ministeri fra di loro”. Per Zoccano “l’interministerialità finora non è stata garantita”, e le varie competenze divise fra la salute, l’istruzione, il lavoro, ecc, non hanno portato a interventi complessivi di sistema. “In questo lavoro – continua Zoccano – operiamo in contatto con le associazioni. L’Uici è la mia patria, con voi e con tutte le associazioni e le federazioni di questo mondo l’interlocuzione è alla pari”, assicura ipotizzando la creazione di tavoli permanenti per mantenere il rapporto.
Zoccano giudica “dai contenuti troppo sfumati” la legge sul Dopo di Noi approvata nel corso della scorsa legislatura, e afferma che l’Italia è “molto indietro nell’applicazione della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, al punto che “troppe sono le raccomandazioni, quasi 80, che l’Onu ci ha inviato bacchettandoci per il mancato rispetto di alcuni principi”. “Sentiamo grande aspettativa e noi – dice il sottosegretario – puntiamo ai fatti e non ai proclami, perché ci occupiamo delle vite delle persone”. E a proposito delle persone sordocieche afferma che “tante sono le abilità residue” che devono essere valorizzate. (ska)

Amici di Penna

penna stilograficaArticoli, interviste e servizi apparsi sui media che trattano i temi della disabilità visiva.
A cura di Massimiliano Penna

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uiciechi.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT69 E 03111 01604 0000 0000 4658