Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS
Consiglio Regionale Lombardo

random_image2.jpg


D Day del 11.06.2020

È il primo occhio artificiale sferico al mondo dotato di sensori al posto dei fotorecettori, nervi ottici fatti di metallo liquido, e una retina semisferica. Un’imitazione quasi perfetta dell’occhio umano che potrebbe consentire anche una vista potenziata.

Un gruppo di ricercatori della Hong Kong University of Science and Technology (HKUST) ha sviluppato il primo occhio artificiale sferico dotato di una retina 3D, che nel corso degli anni potrebbe anche superare le capacità dell’occhio umano.

Finora macchine fotografiche al posto degli occhi.
Nonostante i progressi nei sensori di immagine, l’occhio umano resta un hardware dalle capacità tecnologiche ancora imbattute. Esistono già soluzioni che possono aiutare coloro che hanno perso l’uso della vista, ma spesso hanno la forma esterna di occhiali dotati di “macchine fotografiche” che inviano le immagini a un impianto sulla retina dell’individuo.
La vista è nuovamente possibile, ma di solito si ferma al discernimento di lampi di luce ed è troppo lenta nel catturare i movimenti veloci del mondo che circonda le persone che “indossano” questi dispositivi.
Inoltre, la forma piatta di un sensore di immagine genera anche quella che in fotografia è conosciuta come la distorsione dei soggetti sui bordi. È il caso di una foto in verticale scattata con la lente grandangolare di uno smartphone: il soggetto solitamente avrà la testa “allungata”.

La soluzione: copiare l'occhio umano.
Alla HKUST hanno quindi pensato non a qualcosa da indossare, ma a un occhio bionico chiamato EC-Eye che andrà a sostituire l’occhio non più funzionante di un individuo.
I ricercatori hanno dunque svolto una sorta di ingegneria inversa prendendo come esempio l’occhio umano. Invece di utilizzare un sensore di immagine piatto come quello di una macchina fotografica, l'EC-Eye è modellato su una retina artificiale semisferica. Questa superficie è costellata da una serie di minuscoli sensori di luce progettati per imitare i fotorecettori di una retina umana. I sensori sono poi attaccati a un fascio di fili di metallo liquido, che fungono da nervo ottico.
In un video, viene mostrata la capacità dell’occhio bionico di visualizzare le lettere sullo schermo di un computer in modo sufficientemente chiaro da poterle distinguere e leggere.
Ovviamente, come dimostra anche il video, siamo ben lontani dalla capacità di visione di un occhio umano. Ciò di cui invece bisogna tenere conto è l’esistenza di una tecnologia di base che è in grado di imitare il funzionamento di un occhio umano e farà quasi sicuramente passi avanti adottando materiali e metodi costruttivi diversi.
Col tempo, l’EC-Eye potrebbe utilizzare una serie di sensori più piccoli, aumentando di conseguenza il numero di fotorecettori artificiali sulla retina bionica, e collegando addirittura ogni singolo fotorecettore a un singolo nanofilo.
Una volta compiuti i necessari progressi e trattandosi di una tecnologia che può essere modificata in base ai componenti montanti, i ricercatori non nascondono che in un futuro potrebbe conferire agli utenti una maggiore sensibilità agli infrarossi, per esempio, consentendo quindi una sorta di visione notturna.

di Sergio Donato

Amici di Penna

penna stilograficaArticoli, interviste e servizi apparsi sui media che trattano i temi della disabilità visiva.
A cura di Massimiliano Penna

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uiciechi.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT69 E 03111 01604 0000 0000 4658