Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS-APS
Consiglio Regionale Lombardo

random_image2.jpg


FocusTECH del 18.05.2020

Un recente studio scientifico ha mostrato che l'utilizzo di particolari modelli di elettricità possono aiutare le persone non vedenti ed ipovedenti.

Gli scienziati hanno inviato modelli di elettricità che scorrevano nel cervello delle persone, spingendo i loro cervelli a vedere lettere che non c’erano. L’esperimento ha funzionato sia su persone ipovedenti che su partecipanti non vedenti che avevano perso la vista in età adulta, secondo lo studio pubblicato sulla rivista Cell.

Sebbene questa tecnologia rimanga ai suoi inizi, i dispositivi impiantati potrebbero essere potenzialmente utilizzati in futuro per stimolare il cervello e ripristinare in qualche modo la visione delle persone.

Conosciute come protesi visive, gli impianti sono stati posizionati sulla corteccia visiva e quindi stimolati in uno schema per “tracciare” forme che i partecipanti potevano quindi “vedere”. Le versioni più avanzate di questi impianti potrebbero funzionare in modo simile agli impianti cocleari, che stimolano i nervi dell’orecchio interno con elettrodi per aiutare a migliorare la capacità uditiva di chi li indossa.

L’elettricità come soluzione per ripristinare la vista.

“Un’interazione precoce [di tale dispositivo] potrebbe fornire il rilevamento dei contorni delle forme incontrate”, ha affermato il neuro-scienziato Michael Beauchamp del Baylor College of Medicine. “La capacità di rilevare la forma di un membro della famiglia o di consentire una navigazione più indipendente sarebbe un progresso meraviglioso per molti pazienti non vedenti.”

Gli autori dello studio hanno elaborato le lettere stimolando il cervello con correnti elettriche, causando la generazione di cosiddetti fosfeni, piccole punture di luce che le persone a volte percepiscono senza che alcuna luce reale penetri nei loro occhi. A differenza di quando la luce rimbalza su un oggetto nella stanza ed entra nei tuoi occhi, i fosfeni appaiono come una stranezza del sistema di elaborazione visiva; “vedi” questi punti di luce anche se in realtà non sono lì. Ad esempio, potresti aver visto i fosfeni quando ti strofini gli occhi in una stanza buia, un fenomeno spesso descritto come “vedere le stelle”, hanno detto gli autori.

Francesco Borea

Amici di Penna

penna stilograficaArticoli, interviste e servizi apparsi sui media che trattano i temi della disabilità visiva.
A cura di Massimiliano Penna

Sede

Via Mozart, 16
20122 Milano
Tel. 02 76011893
uiclomb@uiciechi.it
Codice fiscale: 97006460154
Codice IBAN: IT69 E 03111 01604 0000 0000 4658